Un viaggio per ritrovare la strada

Si può andare a Las Vegas per celebrare matrimoni, più o meno reali.
Noi andiamo per separarci.
Non letteralmente, è ovvio. Non divorzieremo a Vegas.
Ma questo on the road in terra americana, che è appena partito da Yellowstone e ci porterà fino a Los Angeles, passando anche per la Sin City, sarà il nostro ultimo viaggio da marito e moglie.
Il nostro “…e vissero per sempre felici e contenti” è giunto al capolinea e ne abbiamo preso atto.
Non è stato semplice né indolore. Molte le difficoltà ancora da affrontare.
Ma abbiamo una certezza: se l’amore può finire, l’affetto e il rispetto no, non per noi.
Ed è così che io e Saverio intendiamo procedere nella nostra separazione, con rispetto ed amicizia.
Perché non ci sono vincitori o vinti, vittime o carnefici. Non ci sono colpevoli.
Continua a leggere “Un viaggio per ritrovare la strada”

Annunci

Io che non viaggio da sola…

Nel mio post di ieri ho parlato del mio rapporto di amore e odio con i viaggi.

Concludevo ammettendo che, nonostante ansia e attacchi di panico, io e mio marito viaggiamo spesso, verso destinazioni lontane e sempre on the road: non esattamente la tipologia di viaggio più rilassante e semplice al mondo.

Ma nei precedenti 26 anni i miei spostamenti non sono mai andati oltre ai 40 km paesello – Torino, escluse due gite scolastiche durante il liceo.
Posso dire di non essere cresciuta con la cultura del viaggio, di nessun tipo di viaggio, nemmeno il campeggio estivo.

Continua a leggere “Io che non viaggio da sola…”

Viaggi: un rapporto di amore e odio

Da sempre i viaggi rappresentano un aspetto della mia vita tanto importante quanto problematico.

Se trascorri i primi 19 anni della tua vita in un paesino di meno di 3mila anime, ai piedi delle montagne, rischi almeno due reazioni:

  • paura e diffidenza verso tutto ciò che sta “là fuori”;
  • desiderio violento e irresistibile di fuggire per sempre.

Io le ho collezionate entrambe.

Ho riempito la macchina di tutte le mie cianfrusaglie di ragazzina e sono scappata per non tornare più. Sono andata a vivere a Torino, in città, per frequentare l’università. Sorvolo volutamente sulla scelta della facoltà.

Continua a leggere “Viaggi: un rapporto di amore e odio”